Vecchi Aeroplani - Marco Giunco

    Vecchi Aeroplani

    Cercando di capire dove andremo a finire 
    se nel muro di Berlino o nei sogni del momento
    certo è bello continuare e ora so dove cercare
    e mi piacerebbe andare a scavare 
    dentro un mare di idee
    Ma volare come un merlo
    e dimenticare cose andate
    e forse lo sai
    forse lo sai

    E mi sembra di aver detto tutto e suonato ancor di più
    Avrei voglia di giocare e lottare con il male,
    poi mi sveglio ed è mattina e discuto con le mani
    in un posto dove niente sa già di morte e muffa
    siamo soli
    Ma lottare come un dio 
    e dipingere il disprezzo 
    mentre salgo
    a guardare il mare

    Poi mi fermo ad ammirare un pulman in un tramonto rosso
    ed un gabbiano che si ferma ad annusare un po' di sabbia.
    Grido con parole amare vecchie idee già sorpassate
    e mi siedo a controllare se per caso è notte o giorno
    mai insieme.
    Ma mi piace aspettare 
    e costruire vecchi aeroplani
    mentre mi sussulto dentro a cercare chi mi dice "ciao ti amo"

    io stavolta me ne vado.

    Certo è Dio che ci ha domato e lanciato sopra il mondo
    Certo è Lui che sta lottando oppure solo la sua immagine
    di un vecchio pazzo che ha litigato con il resto del mondo
    io mi sento come uno scemo che ha voltato un'altra pagina
    NineteenEightyFour
    Ma volare è il mio destino 
    con la mente o con le ali,
    ma cercare è la mia fine
    l'idea buona per capire.
    Poi mi siedo ad ascoltare 
    Un mare poi non più lontano
    E ti chiedo di cantare
    Un'altra volta quel motivo.

    Monza, 2 Giugno 1981 © Marco Giunco 2000
     

    Old Airplanes

    Trying to understand where we go at the end
    In the Berlin Wall  or in this moment dreams
    Yes It's fine to continue and now I know where to look for
    And I would like to go to dig 
    into a sea  of ideas
    But to fly like a blackbird
    And forget old things gone
    And maybe you know
    maybe you know

    And it seems to me I have said everything and played even more
    I'd want to play and fight with the evil
    Then I wake up in the morning and I argue moving my hands
    In a place where nothing already tastes of death and mould
    We are alone
    But fighting like a god
    And painting the scorn
    While I'm going up
    to watch the sea

    Then I stop to admire a bus in a red sunset
    And a seagull stopping to smell some sand
    I shout with bitter words old-fashioned ideas 
    And I sit down to check if it is night or day
    But never together
    But I like to wait
    And build old airplanes
    While I'm rocking to look for someone who tells me "Hello I love you
    this time I go away"

    Sure its God who tame us and threw us over the world
    Sure it's him whos fighting or just his image
    Of an old crazy one quarrelling with the rest of the world
    I feel like a stupid turning another page
    NineteenEightyFour
    But to fly is my destiny 
    With my mind or with my wings
    But searching is my aim
    The good idea to understand
    Then I sit down to listen to
    A sea no more far away
    And I ask you to sing
    Once more  that song

    Monza, 2 Giugno 1981 © Marco Giunco 2000
     

    Disk

    Marco Giunco
    Work Basket Music Words